Torna a vivere il Motovelodromo. In attesa della rinascita con il recupero dell'anello storico delle bici su pista, una parte dell'impianto storico di Torino, sito in Corso Casale, è tornato a essere occupato dai cittadini. Il motivo? Grazie al Padel. Che l'ha completamente rivitalizzato.

Nel capoluogo piemontese, otto campi nuovi di zecca, oltre a quattro da beach volley, già aperti al pubblico. Nelle intenzioni del comune e di chi ha investito, sarà un nuovo polo di riferimento per diverse discipline sportive sotto la Mole. Dalla Padel M2, società aggiudicataria per i prossimi sessant'anni, tutta l'ambizione di diventare il punto fermo del movimento padelistico torinese. Già molto forte.

Al via la prossima settimana

L'impianto è dunque stato riaperto, lo è tutti i giorni dalle 9 alle 23. La prossima settimana otto campi verranno coperti con i palloni pressostatici, tranne quattro da padel che saranno comunque all'aperto. In una parte dell'area ci sarà anche un percorso di pump track, una piccola pista di mountain bike per bambini.

Fabrizio Rostagno, CEO della società, ha spiegato il lavoro e il focus sul padel: "Per quanto riguarda il padel abbiamo sei maestri nel nostro staff, quattro italiani e due spagnoli. Fra loro c’è Carlotta Colombo, la numero 10 in Italia", le sue parole a La Stampa. Saranno coinvolte scuole e naturalmente studenti: dal 13 novembre inizieranno i corsi in orario scolastico. "Grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo e al bando ‘Muoviamoci’, daremo anche la possibilità a mille ragazzi di praticare sport gratuitamente, abbattendo le barriere fisiche, cognitive ed economiche", dice Rostagno. E anche i più piccoli partiranno dal padel.

Tags

Campo
Padel