Numeri sempre più alti. Passione sempre più forte. Il Padel in Italia segue il trend dell'intero mondo: anche nella nostra Penisola si conferma come lo sport con il più alto tasso di crescita. Ma a che punto ci troviamo per quanto riguarda lo sviluppo in sé del padel? Guardando ai 'cugini' spagnoli, il terreno da recuperare è proprio di fronte a noi.

Padel, i numeri in Italia: campi e strutture

A fine 2019, sul suolo italiano avevamo a disposizione circa 1150 campi, la maggior parte riadattati da circoli sportivi ancora non invasi dal boom di amatori e appassionati. Nel solo 2020, il numero è arrivato a un totale di 1800 campi, una crescita esponenziale (+56%) che non solo ha confermato il crescente interesse, ma ha altresì permesso lo sviluppo di tornei amatoriali e di movimenti paralleli come la Serie A e i Tornei FIT.

Aumentando il giro dei 'partecipanti', è aumentato il supporto della Federazione e - complici le chiusure, il distanziamento, il Padel unico sport salvo nelle zone arancioni e gialle - nel 2021 abbiamo finalmente la possibilità di parlare di numeri di altissimo rendimento e dunque di importante profitto. Nel mese di aprile 2021, i campi in Italia erano 2550: vuol dire un aumento del 40% in soli quattro mesi. Vuol dire che ogni giorno nascono circa sei campi!

Lazio, Sicilia e Lombardia guidano la classifica dei campi realizzati. Ma a crescere non è stato solo il numero dei campi: anche le strutture sono quasi raddoppiate. Dalle 600 di fine 2019 si è arrivati alle 850 di fine 2020 (+40%); ad aprile 2021 addirittura 1080, registrando un +27% in soli quattro mesi. La matematica in questo caso rafforza un'opinione: il Padel è solidissimo. Così solido da 'produrre' due strutture al giorno da gennaio ad aprile, con un'intensificazione nell'ultimo periodo che ha contribuito all'aumento del numero di campi per struttura. Dai 2 del 2019 oggi abbiamo una media di 2,4 campi per struttura.

Padel, i numeri in Italia: praticanti e tesserati

E’ stimato intorno ai Quattrocentocinquantamila il numero di persone "impegnate" nel Padel nello scorso anno. Ecco, sapete il tasso di crescita rispetto al 2018? Parliamo del 620%. E no, non è un'esagerazione.

Invece, i numeri ufficiali dei tesserati FIT nel 2020 è di 11000 contro i 9450 del 2019 (+16%); e quanti saranno in questo 2021 in cui per buona parte si è vissuto in condizioni particolari, con il Padel quasi unico 'sfogo'?

Interessanti i numeri di genere sui tesseramenti: l'80% dei giocatori sono uomini, il 20% donne; nelle fasce d'età over 40 il numero delle donne sale, quasi al 42%. Una spiegazione del fenomeno ci è stata fornita da Chiara Pappacena, in un'intervista rilasciata a WIP Padel: "Credo sia per lo stesso motivo per il quale il Padel è così famoso: è uno sport per tutti. Per i bambini alle prime armi e per gli adulti che vogliono muoversi".

Padel, i numeri in Italia: il confronto con la Spagna

Ora: conosciamo le virtù spagnole. Sappiamo che gli iberici amano il Padel quasi quanto il calcio. Ma questo amore è ricambiato e assecondato dai fatti. E cioè da infrastrutture, campi, racconto giornalistico. A livello internazionale, poi, i padelisti spagnoli ormai sono ai primissimi posti del Ranking mondiale (date un'occhiata qui).

Arrivati a marzo 2021, secondo quanto raccolto da Padel Lands, in Spagna ci sono circa 14500 campi. Cosa vuol dire? 3,9 campi per struttura (in Italia siamo a 2,4 campi) e dunque più possibilità e più spazio ai giocatori. Così è cresciuto anche il numero di praticanti, stimato oggi intorno ai 5 milioni, l'11% della popolazione. Il numero di tesserati è di 88000 nel 2021, in crescita del 16% rispetto al 2020 (dati Federacion Espanola de Padel): il numero di praticanti è circa 11 volte maggiore rispetto a quello italiano, allo stesso modo il numero di tesserati è 7 volte superiore.

Altro dato molto interessante attiene all’età e al genere: più alto il numero delle giocatrici rispetto all'Italia: dal 20% del nostro paese arriviamo al 32% iberico. Inoltre, udite udite, il 52% dei federati è appartenente alla categoria “veteranos” ossia over 40.

Padel, i numeri in Italia: il boom non si ferma

Fermarsi qui? Giammai! Siamo - si spera - vicini alla chiusura di un biennio duro, complicato, di difficile comprensione e gestione. Il Padel è stato un toccasana in un momento complicato, e complicato per tutti. E ora tutta la semina dei tempi di incertezza è pronta a farsi raccolto di emozioni, racconti e sempre più giocatori. Come dimostrano gli investimenti televisivi - Sky Sport è media partner italiano del World Padel Tour -, c'è sempre più attenzione verso questo sport, dal grande mondo del WPT ai tornei nazionali. Anche così si forma un movimento forte, solido, attento alle esigenze di chi è implicato in prima persona.

Anche così si attirano gli investimenti, soprattutto. Come quelli di Adidas, entrata nel settore e destinata a rivoluzionarlo: ha iniziato a produrre attrezzatura e campi. Nota a margine e ve ne abbiamo parlato anche qui su WIP Padel: avete visto chi è il 'Signore del Padel' in Svezia? Indizi: gioca a calcio in Italia, ha fatto la storia, ha intenzione di continuare a farla. E se si espone ZI, c'è da fidarsi...

A cura di Mattia Di Franco, Sales&Business Developer at WIP PADEL

Tags

Campo
Padel
Sport